free web hosting | website hosting | Business Hosting Services | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  


Canzoniere

Affanno d’amore

Volan nell’aria
note accorate d’una chitarra,
strimpellate
da mani timide, innamorate.
Tremulo, un affanno
affiora dal suono
dolce e malinconico,
che invoca un sospiro d’amor
svelando il perpetuo soffrir

Serena e bella
la notte silente scompar.
E tu, amor mio, non te ne andar.
Si spegne il brillare
dell’ultima stella sul mar.
E tu, amor mio, non mi lasciar.
Svanisce il fatuo tepor del tuo amor.
Addio mio tesor,
sogno di baciarti ancor.
Tramonto

Sul languido tramonto
di questo giorno d’or,
mi tormenta
un tremito d’amor.
Ella, dischiuso il veron
col batticuore al cor,
sorride affascinata.
Nel placido incanto
del dolce languor
raccoglie l’invito
del mio fremente ardor.
Lo sguardo infuocato
sfavilla su me,
in questo bel gioco
ammaliator.
Teneramente le labbra
suggella alle mie:
dolce bacio del suo grande amor.

 

La piccola Marilù

Tutti i bimbi son belli,
tutti quanti son cari,
ma tu sei fra quelli
la più bella... di più.

Marilù,
bimba dagli occhi
del color del mare,
leggiadro frutto
colto dai tuoi genitori
in un attimo d’amore,
empiendo il loro mondo
d’un incanto giocondo.
Marilù,
dolce dono della gioventù.


 

Valzer di Anna

Ornato dai vivi colori dei fior,
il verde prato della valle
è in pieno splendor.
Soffia una brezza che non leva calor
a questa gioia che pervade il mio cuor.

Anna tesor,
baciami ancor,
nell’incanto
di questo momento d’amor
il tuo cuor palpitante
s’unisce al mio cuor.
Anna tesor,
mio grande amor,
nella notte brillante
di stelle nel ciel,
la tua stella
sfavilla nei miei sogni d’or.

Trovatello

Triste e desolato
erro per strade e contrade:
cerco la donna che mi diè la vita,
e poi m’abbandonò.

Perché
mamma mi lasci soffrire?
Nessuno più di me ti vuol bene.
Bramo piangere di gioia
sul tuo seno.
Amo lenire il tuo cuore
ferito da un ingrato amore.
Perché
mamma sfuggi il mio affetto?
Non ti fa pena,
pensando a tuo figlio,
d’ignorare il suo viso intristito?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

Inno dell’unificazione

Su questa Terra
patria dei miei natali,
su questa Terra
luogo di doglie e pene,
su questa Terra
il male è più del bene,
su questa Terra
saremo tutti uguali.

Dell’unificazione
verrà il tempo.
Non c’è nazione
che non sia in fermento.
Delle giogaie razziste
catene sanfediste
noi spezzeremo i magli.
Noi scioglieremo i cuor.

Su questa Terra
si vive da guerrieri,
su questa Terra
patria di più nazioni,
su questa Terra
d’eroi e di coglioni,
su questa Terra
di liberi prigionieri.

Dell’unificazione
..................................
Su questa Terra
piena di serpi infidi,
su questa Terra
l’iniquità è normale,
su questa Terra
si vive in fortunale,
su questa Terra
amena di tanti lidi.

Dell’unificazione
..................................
Su questa Terra
pregna di ostilità,
su questa Terra
di cinici solidali,
su questa Terra
di poveri mortali,
su questa Terra
di patria Umanità.

Dell’unificazione
verrà il tempo.
Non c’è nazione
che non sia in fermento.
Delle giogaie razziste
catene sanfediste
noi spezzeremo i magli.
Fratelli è giunta l’or.
Angulillo dispettuso


Strata sulagna,
strata ca muore
miezo a ‘na campagna
nun t’accanosce cchiù.
Tenive ‘n’angulillo
ca canusceve larme e suspire
‘e mille ‘nnamurate.
‘N’angulillo ’mmeriuso
ca l’umbra ‘nce zenniave,
e po’‘a rialave ‘a luna cu ‘na scusa
pe’’nce fa’’ntussecà’.
Angulillo dispettuso,
tutte allicuorde mie addò ll’haje mise?
Chelli vocche addirose
addò me ll’haje nascuse?
Tu nun ‘o saie ca ll’urdeme dispietto
m’ha stritto ‘o core ‘mpietto.
Tu nun ‘o saie, ‘ntramente ca tu iuoche,
c’ha fatto chella llà.
Angulillo dispettuso,
torname a lusengà’, nun fa’’o ‘nzeriuso.
Tutto se cagna.
Pure d’’o core nun se fa’ cchiù ‘o pigno:
niente s’accampa cchiù.
‘E sentimiente cuovete
songhe pezzulle d’anema
lassate a ogne puntone,
dummaste a t’aspettà.
Angulillo dispettuso,
............................................