free web hosting | free website | Business Hosting Services | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  


Mese de Maggio

E’ notte. Sei solo nel tuo studio. La penna stride sui fogli. Ti esalti, ti commuovi, piangi.
Dopo tanti anni di attesa, ecco, il capolavoro è venuto fuori, all’improvviso, dal tuo genio incompreso.
Vai a letto felice.
Ma il sole all’indomani – tragico sole d’inverno – ti strappa dalla fronte, una ad una, tutte le foglie di lauro.
Scialbe, vecchie, malinconiche scemenze sono quelle che hai scritte. E tu laceri i fogli, ti mordi le labbra, e ti avvii mogio mogio al tuo modesto ufficio, povero impiegatuccio senza gloria!
 

Libero Bovio


Ho voluto iniziare questa raccolta con il brano di Matilde Serao che, concludendo “E io tenevo ‘na vocia”, esprimeva la speranza di poter rimettere su carta i mie “pensieri”.
“Mese de Maggio” diventa, così, un continuo della precedente, sia perché la voce non riesco a recuperare, sia perché ritengo che i pensieri non vadano separati, essendo, essi, la nostra vita, che giorno dopo giorno rinasce, si rigenera come fosse un’araba fenice.
A differenza di “E io tenevo ‘na vocia”, “Mese de Maggio” è stata trascritta così come nata e non tradotta o rielaborata. Forse gli anni trascorsi lontano dalla mia città mi hanno reso maggiormente cosciente del mio “essere napoletano”.
Non rinnego ciò che ho “scritto” in passato. La Napoli che descrivevo “trasmigrandola” oltre oceano era un “sognando la California” ad occhi aperti. Quella che invece fa da base a questi ulimi “pensieri” è la Napoli che ogni “buon emigrante”, ogni “esiliato” porta dentro di se.
Il 4 Maggio 1998 “Mese de Maggio” iniziava a prendere vita. Era il segno di un cambiamento. Ritornavo in una grande città, anche se non a vivere ma a lavorare.
Emozioni, timori quel giorno. Era un salto nel buio. “Sai a cosa fuggi ma …”.
Cominciai, così, a maturare nuovi “pensieri” e dopo alcuni mesi di “meditazione” la penna riprese a scrivere.
Del ritenermi “in terra straniera” chiedo scusa agli amici capitolini, ma il non poter vivere nella mia città mi è di peso.
Dedico queste pagine, quasi tutte scritte in un posto qualsiasi tra Latina e Roma, alla Città Eterna, che ha fatto rinascere in me sentimenti assopiti da tempo facendomi tornare a quella serenità che credevo ormai abbandonata.

                                                                                            Gennaro Agrillo
                                                                                                05.02.99
                                                                                                  06:55
                                                                                   in terra straniera a 139 a.d.i.
                                                                                                a 200 a.d.t.g.

non dimentico dello Spirito della Sirena Partenope, che continua a seguirmi e guidarmi.

          Oggi, domenica, festa degli Ulivi, Cristo entra in Gerusalemme, portando in mano il ramoscello della pace. Oggi, buon lettore, si fa la pace. Vi è chi ha litigato con l’amico e chi con l’innamorata; vi è chi ha litigato con la persona indifferente, chi con quella che odia, chi con quella che ama di più; l’impiegato ha litigato con il suo capo d’ufficio, il marito con la moglie, l’artista ha detto molti improperi all’arte, lo scrittore si è accapigliato con la forma, il portinaio ha litigato col padrone di casa. Tutti sono in bizza con qualcuno. Ma oggi una fogliolina, un ramoscello d’olivo e la pace è fatta. Anch’io, ho litigato e da tanto tempo, con una carissima persona, mentre ho continuato ad amarla pienamente, nel segreto del cuore, mentre la sua assenza ha resa deserta e triste la mia casa, mentre la mancanza del suo alito soave, ha reso arido e secco come la pomice quanto ho scritto. Questa carissima persona, la Poesia, è da tempo che non vuole saperne di me, quando io la desidero ardentemente, e per orgoglio mi taccio. Oggi che l’orgoglio si smorza in una infinita tenerezza, voglio tentare di far la pace con la Poesia, mandandole una fogliolina di ulivo.

da Virgilio Mago, in Leggende Napoletane di Matilde Serao (Mergellina, dicembre 1890)

te n’adduone ‘e sta’ all’inferno.
Vucchella,
rossa comme a ‘nu suspiro ‘e pomeriggio ‘e primmavera;
Uocchie spalancati comme a ‘na fenesta ‘ncopp’a ‘o core mio;
Bella,
cu ‘e capille sciuovete ‘nmiezo ‘o ricamo ‘e ‘nu campo ‘e grano;
‘sta notte me voglio perdere
‘nParaviso ‘nzieme a vvuje.
                    21.08.1998
                    03:15
 

Currenno ‘nmiezo a ‘na campagna
addo’ me porta ‘stu treno?
‘Na casa.
Ma ‘o penziero è lento.
E ‘na filera d’alberi,
immobbili comme a ‘e sentinelle,
sfila subbito ‘nannt’a me.
Penziere.
E capisce ca ‘e penziere
so’ comme a ‘o viento,
nun se fermano.
‘Na muntagna pare ca me segue.
E’ comme ‘e penziere mie de te.
Aucielle ca volano,
danzanno dinto all’aria.
Ma ‘e penziere mie correno a te,
‘nmiezo ‘a campagna addo’ corre ‘o treno.
                    21.08.1998
                    06:50    


Comme vurria ‘sti ddete avvellutate
accarezzarte cu ‘nu filo ‘e viento
ca sagliesse ‘nfino ‘e capille tuoje 
e ne spannesse dinto all’aria l’armunia.
Arape ll’uocchie tuoje belle
e dinto ‘a notte tutte ‘e stelle
se libberano cu ‘e lucciole
e se cunfonneno.
Te veco, allerta ‘nmiezo a ‘stu campo ‘e grano
ca pare ‘na gonna d’’a luna ‘nargentata
e ca se connola da ‘o filo ‘e viento smossa.
                    21.08.1998
                    15:40

Stelle ca passano e nuvole ca se fermano
chisti so’ ‘e penziere mie pe’ te.
‘A luna guarda.
E tutt’attuorno ‘o canto de l’arille
cchiù forte me trase dinto ‘a mente.
Notte.
Ma addo’ vanno ‘e stelle?
                    24.08.1998
                    07:10

Tu non lo sai ca nun se fa accussì,
forse non sai ca me faje muri’.
Se te lo dico
guardami nel cuore,
la notte non fa rumore.
E dentro il sole ogni stella, sai?,
crea ricordi
che non puoi scordare mai.
Socchiudi gli occhi
apri il tuo amore.
E’ l’alba.
Slega il tuo cuore.
                    24.08.1998
                    07:20

‘O mare.
Ma addo’ ‘o sento cchiù ll’addore ‘e mare?
‘Nzerro ll’uocchie, quanto cchiù forte ‘e stregno,
e ‘nnante a me ‘na vela janca
scivola ‘ncopp’a ‘nu velluto blu.
Ah, putesse mettere prora verso Pusilleco;
putesse ‘e Miseno sentere ‘a vocia;
putesse risciata’ l’aroma ‘e Proceta;
putesse suspira’ ‘n alito d’Ischia;
putesse sperderme verso Gaeta;
putesse risenti’ ll’addore ‘e mare.
                    25.08.1998
                    07:00

Comme vurria scrivere
duje vierze maje cantati
che appena ‘e ssiente, subbito,
te fanno suspira’.
Vurria ca dint’all’aria,
doce d’’o mese ‘e Maggio,
‘na musica gentile
te putarria fa’ ‘nnammura’.
Ma vierze nuove e musica
nun stongo in grado ‘e scrivere.
Cu ‘o poco ‘e filo ‘e vocia
“ Io te vurria vasa’ ”
te canto.
                    26.08.1998
                    06:00

 

Arreparato all’ombra,
stennuto sotto a ‘n albero,
me guardo ‘o sole ‘austo
riflesso ‘ncopp’a ‘o grano.
‘N alito ‘e viento, tenue,
fa movere ‘sti spighe
e l’aucielli ‘ntenneruti
abbiano a canta’.
E vulesse durmi’
connoliato ‘a chesta ninnanonna.
                    26.08.1998
                    15:40


Ma comme ponno ‘st’uocchie,
nire, lucente, belle,
accumpagnarme sempe?
Ma comme po’ ‘stu verde,
chiaro, scuro, gentile,
arricurdarme ‘e te?
Luntano, addo’ ‘e ricorde mie se perdono,
provano a i’ ‘e penziere.
                    01.09.1998
                    07:12

 

E veco ‘o sole,
ca saglie ‘all’orizzonte,
giallo, lucente.
Se ‘nfizza ‘nfra doje nuvole,
ca pare, pazzianno,
nunu ‘o vonno fa’ passa’.
E veco che ‘a campagna,
addurmuta ‘ncoppo a ‘nu verde scuro,
se sceta
vestennose cu ‘nu velo d’oro.
‘E nuvole, danzanno,
salutano ‘o cielo.
E mentre ‘e lenzole
Te sciuliano ‘a cuollo,
tu,
te scite.
                    08.09.1998
                    07:25

Ll'ammore.
Ll'ammore pe' 'ncoppo all'alberi vola,
cagnanno ramo ogne mumento.
A ogne fronna canta 'na canzona.
'O viento passa, allero,
purtannose 'sti vierze.
Ll'uocchie d''e figliole 'o ssanno
e aspettano.
E quanno 'nu suspiro ferma 'o viento,
primma 'e parole,
po' ll'armunia
traseno dinto a 'o core.
E 'o viento va,
purtannose 'e 'n'ato albero
'a puisia.


Ma tu a che pienze
Quanno nun me vide?
Comme te passano ll'ore
senza 'e me senti'?
E dinto 'a notte
che te raccontano 'e suonne?

                     10.09.1998
                     20:15

Mese de Maggio.
Ll'uocchie de 'na figliola
dinto a lu pietto me se so' 'nfizzati.
E cchiù 'nce penzo cchiù me fanno male
'sti pponte 'e luce ardente.
Mese de Maggio.

Mese 'e Settembre.
Ll'uocchie de 'sta figliola
nun voglio fare ascire da 'stu core.
De sciuri addore ancora sento
pure si Primmavera sta luntana.
Mese 'e Settembre.
                    11.09.1998 
                    7:15


Te vulesse purta' a riva 'o mare
pe' te fa' senti' 'o canto d''e sirene.
'Ncoppo a 'sta spiaggia,
addo' Partenope dorme,
te vulesse fa' stennere
pe' te pute' vasa'.
Te vulesse purta' pe' dinto 'e viche
pe' te fa' senti' de la città la vocia.
Pe' 'nmiezo 'e strade,
pure senza gente,
'ncoppo a 'stu suono
te vulesse fa' danza'.
Saglienno pe' Pusilleco,
addo' Virgilio n'ha declamato 'e vierze,
d''o ddoce d''o mare
te regnesse 'o core.
E quanno da 'sta loggia naturale,
'a ccà Proceta,
'a ccà Ischia,
'a ccà Capri
tu vedarraje,
rispunne a 'sta domanda:
- 'E chi t'annammurasse? -
                    13.09.1998 
                    16:35

 ‘O sole ‘a ‘stammatina 
nun se fa capace
d’asci’ fora.
Sarrà pecchè,forse,
già ‘o ssapeva che 
‘a luce ‘ell’uocchie tuoje
nun avria veduto.
                    14.09.1998 
                    6:25

Tenite dinto 'a vocia
la frischezza
de 'na refola 'e viento mattutina.
De ll'aria allera de Settembre,
ca de lu mese 'Austo
'o calore fa scurda',
'o frizzante dinto all'uocchie
vuje tenite.
Parite, cammenanno,
'na farfalla
che, allera e liggera,
pare ca 'nu ricamo vulesse disegna'.
Parite,
parite chella ca vuje site
e tenite 'a forza
'e me fa' canta'.
                    15.09.1998 
                    07:10

 Vuje, ca difficilmente‘e 
parole mie afferrate,
nun ve preoccupate:
songo ‘e parole
ca tutt’’e ‘nnammurati
cu ‘o core cantano
purtanno serenate;
songo ‘e parole
che il Divino Dante
maje ha saputo
a Beatrice canta’;
songo ‘e parole
che Petrarca, a Laura,
solo ‘int’’o suonno
riuscette a verseggia’.
E ‘sti parole, a vuje,
vulesse suspira’
cu ‘o ppoco ‘e vocia.
Ma sulo ‘ncopp’’o foglio
trovo curaggio
‘e scrivere ‘stu ddoce.
                    15.09.1998 
                    21:00

Te veco 'e notte,
che abbraccianno suoni e varche
te 'mmire dinto all'acqua.
E io te canto,
cu tutt''e vierze
c'avria vuluto scrivere.
Ma quanta baie tu annascunne
sotto 'a scugliera
ca scenne dritta a mare?
Forse 'e sirene
ccà s'hanno arreparate
pe' nun se fa' vede'.
Quanto sî bbella
imponente e scura,
affatturata e incoronata d'alberi.
Comme vurria,
scetannome 'a 'stu suonno,
strignerte 'mpietto
e nun te lassa' maje cchiù.
                    17.09.1998 
                    20:40

 

M'aggio scetato
e 'o cielo da 'e nnuvole
è annascuso.
L'urdemo velo d''a notte
a poco 'a vota se sfrangia
e 'o cielo, 'e prepotenza,
vene fora.
L'azzurro,
guardanno verso oriente,
tene 'na venatura d'oro.
Ammaliato,
guardo l'urdeme nnuvole
che vanno piglianno
'o culore d''o sole.
Affatturato,
aspetto 'o mumento 'e te vede'.
                    21.09.1998 
                    07:08

Canzona 'e Settembre

Quanta palumme ca mò so' turnati
'ncopp''e cimme a vula' de chesti case.
Lieggio fra l'alberi suspira 'o viento
pure si Primmavera tarde trase.
Volano attuorno senza maje fermarse
e pareno ricordi a me scumparse.

Fronne smosse da 'o viento
dicitancello ca ll'ammore vola,
dicitele ca passa 'na vota sola
e dinto all'uocchie suoje
me perdarraggio ancora.
Fronne smosse da 'o viento
Chesti parole nun se fermarranno
e 'ncoppo 'o mare po' se perdarranno
e dinto all'uocchie suoje nun trasarranno.

E quanta varche ca mo' so' turnate
'ncoppo a 'stacqua a vuca' calma e serena.
Era de Maggio e 'all'uocchie suoje spuntavano
luce, culure e 'o canto d''a sirena.
Ammaliatrice, hê affatturato 'o core,
'nu vaso tuojo d''o mare vale addore.

Fronne smosse da 'o viento
dicitancello ca ll'ammore vola,
dicitele ca passa 'na vota sola
e dinto all'uocchie suoje
me perdarraggio ancora.
Fronne smosse da 'o viento
Chesti parole nun se fermarranno
e 'ncoppo 'o mare po' se perdarranno
e dinto all'uocchie suoje nun trasarranno.
                    23.09.1998
                    07:05
'O sole d''o mese 'Ottobbre
scarfa 'nu poco ll'aria,
ca fresca, 'int''a cuntrora,
ce accumpagna pe' 'stu viale
chino 'e gente ca va e vene
senza curarse d''o surriso tuojo,
ca, invece, a me
me regne 'o core
ca sbatte forte,
ma in silenzio
pe' nun se fa' senti'
dall'uocchie tuoje.
Nun 'o senti',
te prego:
pecchè 'nzieme a 'o surriso tuojo
nun 'o farraje cammena' maje cchiù.
                    08.10.1998
                    20:50

Si me facissi cocere
'nmiezo a lli fiamme de l'Inferno
nun sentarria maje de lo ffuoco lu calore.
Sarria fra tutti lli dannati
lo cchiù felice,
pecchè sarria doce pe' me
chisto bruciore.
Ma tu me tiene 'mPurgatorio,
addo' la vocia mia,
comme a 'n'anema in pena,
resta in silenzio
e nun sape maje
si putarria arrivare a te.
Vurria, però, stare 'mParaviso,
'nmiezo a tant'angeli a canta',
aizanno cori 'ncielo sulo pe' te,
addo' ogni parola è scritta 'nmiezo a lli nnuvole
e la musica se legge,
comme a 'nu pentagramma,
'ncoppo a lli stelle de lo firmamento.
                    11.10.1998
                    15:20

Dimmane te veco
e già pregusto 'o prufumo d''a vocia toja.
Già sento dinto all'aria 'na canzona.
Dimmane te veco
e 'o sole va scarfanno 'sta campagna.
Ll'aucielli già volano.
Dimmane te veco.
                    11.10.1998
                    15:35

 

Pure si l'Autunno sta arrivanno,
'a Primmavera puorte 'nzieme a te.
Ll'albere rinverdiscono
quanno tu passe
e ll'aucielli nun vonno cchiù parti'.
Cantano, pazzeano e ridono
ll'uocchie tuoje,
addo' se legge sempe 'na "parola"
ca di sicuro
nun arrivarrà maje a me.
Ma me da pace
sulo la certezza
ca tutt''e journi
io te sto' vicino.
E l'anema mia è scarfata
dall'uocchie tuoje ardenti.
                    13.10.1998
                    19:35

Ammore, ammore, ammore
ma quanta vote vuo' vula'?
Pecchè 'int'a 'stu mese 'Ottobbre
cuntinue a me turmenta'?
Ma che t'hê miso 'ncapa?
Nun te vuo' fa' capace
ca 'nmiezo a 'sta campagna
vulesse resta' 'npace?
E comme 'e criature
tu pigli 'o piccio e 'nzisti.
E io cu 'o core tennero
t'astregno pe' nun te fa' chiagnere.
                    19.10.1998
                    15:10

Me pare,
quanno 'a notte scenne,
quanno ll'aucielli se vanno a repusa',
ca 'e suspiri d''e ffigliole
saglieno verso 'e stelle
comme a tanta 'ngiulilli
ca sanno ca ll'ammore
manco de notte s'arreposa.
                    20.10.1998
                    19:45


Uocchie nire rignut''e lagreme
ve vulesse stregnere fra 'sti bbraccia
pe' tenta' 'e nun ve fa' chiagnere.
Me s'è astrignuto 'o core,
vaggio penzata indifesa e sola.
Uocchie nire rignute 'e lagreme,
v'aggio penzata.
                    21.10.1998
                    15:15

Primmavera a 'Ottobbre
(Ottobbre a Primmavera)

Quanno arrivate sento dint'all'aria
prufumo 'e margarite avvellutate.
'N auciello, vierzi nuovi maje cantati,
recita e 'e fronne sonano pe' vuje.
Capilli belli sciuovet'int''o sole,
sentitelo 'stu canto dell'ammore.
Danzate 'nzieme a 'o viento 'ncantatore.
Faciteve culla' da 'sti parole.

Da 'e labbra voste 'nc'esceno surrisi.
De sciuri 'e campo vuje vestita site.
Vuje me facite sentere felice.
Rosa e viole site vuje pe' me.
Uocchie, de stelle 'argiento, suspirate
'nzieme cu 'a luna, comme a 'n'armunia.
'A Primmavara a vuje ve sta vicina.
'A notte veglia mentre vuje durmite.
                    26.10.1998
                    16:00

Me vulesse i' 'assetta' 'ncoppo a 'nu scoglio,
cu 'o mare 'nnanze e ddoje stelle 'e cumpagnia.
Cu 'o viento 'e mare vulesse arricurdarme
'e tutti 'e suonni fatti fino 'aiere.
                    29.10.1998
                    20:20


Notte.
Cu 'nu cielo miezo annascuso.
'A luna, areto a 'na muntagna
ca sta nuotando 'naria,
spia, redenno,
'e penziere d''e 'nnammurati.
Da 'na fenesta,
aperta tra lli nnuvole,
'e stelle suggeriscono
parole d'ammore.
                    09.11.1998
                    15:40


Luna.
Quanta segreti m'hê 'nnascunnuto,
quanta segreti m'hê rivelato.
Te spuoglie e te vieste
cu 'na cadenza lenta.
'Na danza sensuale
'nnant'a me tu muove.
                    15.12.1998
                    06:40