free web hosting | free hosting | Business Hosting Services | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  


Non abbiam bisogno di parole

   Quello che accomuna Ron alla città di Trani e alla Puglia intera, non è solo il suo nome Rosalino Cellamare inequivocabilmente tranese, ma soprattutto l'amore e la vitalità che questa nostra Terra gli dona ogni qual volta ritorna "nella mia Puglia". Era il lontano 1970, e Ron aveva appena 17 anni, quando esordì a Sanremo, dove interpreta con Nada Pa' diglielo a ma'.Da quella data ad oggi, sono passati ben 30 anni che hanno visto Ron farsi apprezzare come uno dei più sensibili cantanti nel panorama della musica leggera italiana.Tantissime le collaborazioni che ha sviluppato con artisti di ogni calibro. Nel 1979 con il "maestro" Lucio Dalla e il "principe" Francesco De Gregori cura il progetto Banana Republic, tour che segna idealmente la rinascita della musica live in Italia. Sempre in questo spirito di collaborazione intesa ad apportare nuove esperienze al panorama della musica italiana nel 1980 segue un concept album, "Una città' per cantare", che segna l'inizio della collaborazione con la Spaghetti Records di Alessandro Colombini, produttore di Dalla, Bennato e PFM. Il singolo che da' il titolo all'album e' la cover di The Road di Jackson Browne. Nello stesso anno, con "Canzone senza inganni", Ron realizza un Qdisc con Ivan Graziani e Goran Kuzminac, da non trascurare, per il grande spessore artistico i contatti avvenuti nel 1982 negli Stati Uniti con Paul Anka e Lou Reed.Una curiosità di tipo cinematografico nella carriera di Ron, è un suo "passato" da attore.

Nel 1976 Rosalino Cellamare e' nel cast del film "L'Agnese va a morire" di Giuliano Montaldo, con Michele Placido ed Eleonora Giorgi. Questa passione per il cinema lo ha portato anche ad interpretare musiche per il cinema, celeberrima l'esecuzione live di Joe Temerario nel film " Speriamo che sia femmina" del grande regista Mario Monicelli.

Per festeggiare i 30 anni di carriera di Ron, è stato realizzato andando in prima serata il 5 maggio in onda su Rai Due uno show registrato all'Auditorium di Napoli con l'ottima conduzione di Francesco Paolantoni affiancato da Ornella Muti e da Nina Moric.Tantissimi gli amici che hanno duettato con Ron: Lucio Dalla, Biagio Antonacci, Tosca, Gianni Morandi e Luna.

Il tour estivo di questo anno ha visto Ron esibirsi in due gremitissime piazze pugliesi: Foggia e Modugno. Dal palco, affiancato da una ottima band, ha trasmesso la sua carica e umanità attraverso intense emozioni e suoni. Tutti gli incantati ascoltatori, hanno sognato rispecchiandosi nelle parole di amore e speranza cantate da Ron.Joe Temerario, Chissa' se lo sai, Anima con Luna, Occhi di ragazza, Piazza Grande, Vorrei incontrarti fra cent'anni, Una città' per cantare, Ferite e lacrime, e la bellissima Il gigante e la bambina, racconto nel lontano 1971 di uno stupro ai danni di una bambina, solo alcuni dei pezzi interpretati.

Una sorpresa telematica che certamente farà felice i fans di Ron. Consultando il sito internet www.RON.it una completa e meticolosa panoramica su tutta la carriera di questo celebre artista. Tutte le ultime novità in tema di concerti e di appuntamenti artistici. Inoltre la possibilità di scaricare l'ultimo video girato con la bellissima Ornella Muti, immagini, e per i più affezionati l'iscrizione alla mailing-list ed al fan-club di Ron.

Certamente una maniera nuova di comunicare attraverso uno strumento che 30 anni non si riusciva lontanamente ad immaginare.

" Non abbiam bisogno di parole".

Di Giuseppe Dimiccoli

dimgiu@ba.dada.it