free web hosting | free website | Business Web Hosting | Free Website Submission | shopping cart | php hosting
FREE WEBHOSTING - SERVETOWN

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  


‘Nu ricordo

(me vene a mente)

 

Per certo, quando il ciel con lieto aspetto
Riguarda qua nella stagion novella,
Nulla contrada à ‘l mondo così bella
Ne dove più si prenda di diletto.
Quivi amor regna sanz’alcun sospetto,
O ‘l ciel che faccia singulare stella;
Venere credo poi venisse in quella,
Del mare uscendo, come in luogo eletto.
Quivi le piagge la marina e i rati
Son pien di donne e di leggiadri amanti,
E ciò che piace par vi si conceda.
Quivi son feste e dilettosi canti;
Quivi si mettono amorosi agguati,
Né mai senza gioir si leva preda
                             Boccaccio (Rime)

 

Continuo, quasi ostinatamente, a definire “pensieri” tutto ciò che scrivo.
Poesie? No, verrei preso sul serio.
“Pensieri”: almeno, così, i miei conterranei potranno dire: “Chillo, tene ‘e penzieri! ”.
In verità il mio unico pensiero fisso è quello di tornare a vivere nella mia città.
Tornare a Napoli.
Continuo, imperterrito, ogni volta che torno a casa, ad immergermi in un bagno di folla.
Due sono le cose che ripeto, come un rito:
1)    Visita al mercato rionale “Cerlone” di Fuorigrotta (il mio quartiere);
2)    Risalita, controcorrente, della Pignasecca, da Piazza Carità a Piazza Montesanto, nel momento in cui i vagoni della Ferrovia Cumana riversano i viaggiatori dei Campi Flegrei verso Toledo.
E proprio qui, ‘nmiezo Muntesanto, mi manca la voce di Fortunato (buonanima) con il suo immancabile cappellino bianco ed il suo cesto, messo su quella che era stata una carrozzina per bambini (forse stile inglese), con dentro, metafora del Popolo Napoletano, ‘e taralli ‘nzogna e pepe:

-        caldi e fragranti, – concedetemi il luogo comune – come i cuori Napoletani;
 pieni di quel pepe che ti arde la bocca, come il Popolo è pronto a colpire se trattato male;

-        farciti di mandorle tostate – strano accoppiamento –, che si gustano come il piacere di vivere a Napoli.

Furtunato tene ‘a robba bella! ‘Nzogna, ‘nzo’!

Dedico questa raccolta di ultimi pensieri alla cara Amica Eugenia Valishevska.
E’ stata lei, forse involontariamente, a spronarmi (anche perché avevo deciso di concedermi una pausa per tentare di completare un racconto a cui sto lavorando a singhiozzo da tre anni).
Eugenia è Lettone e lavora come interprete all’Ambasciata italiana di Riga.
Sicuramente parla la lingua italiana molto meglio di me ed avendolo capito mi “costringe” a scrivere le @mail, a lei indirizzate, in Napoletano (ed io mi lascio costringere con infinito piacere).
Un giorno mi rimproverò di avergliene inviate alcune, consecutive, in italiano.
E lo scrivere in Napoletano mi lega sempre più alla mia Terra.

Gennaro Agrillo
14-07-2000
17:15
in terra straniera a 140 a.d.i. a 201 a.d.t.g.

 

'Na chiorma 'e ricordi
me vola dint''a mente.
Si me vedite
zitto, silenzioso,
'nchiuso dint''e penzieri
e cu' 'nu foglio
'nnanze;
si me guardate
e io nun ve risponno:
stongo sunnanno 'e vuje
o è a vuje
ca io sto' penzanno.

07-10-1999
07:35

Forse nun t'aggio cunusciuto
e doppo dieci anni
accummencio a capi' qualcosa.
'Na cosa è certa,
ne so' sicuro,
nun t'aggio maje scurdato.

07-10-1999
19:15

(a mio padre a dieci anni dalla sua scomparsa)

'O treno va,
quase currenno,
cercanno
'e lassa' areto
ogni ricordo.
Nun l'ha capito
ancora
(e comm'è tuosto!)
ca io,
stasera,
areto torno.

05-11-1999
6:45

No,
nun 'o tengo
'o sango dint''e vvene:
'ncuorpo me scorre
l'acqua 'e mare.
Nun tengo
core 'mpietto,
ma 'nu scoglio
addo' l'alga
ha truvato
'n appiglio,
addo' 'e sirene
se vanno a pusa'.
E 'nfaccia a 'stu scoglio
forte ce sbattono
ll'onne.

11-11-1999
19:30

- Riga -

Cuntrora a vierno.
Staje guardanno 'nu gabbiano
ca s'è pusato,
'ncopp''a spiaggia,
quase affianco
a te.
Cu' ll'uocchie
vaje c''o sguardo
oltre all'orizzonte.
Arreparata
dinto a 'nu trencio
'e panno,
'o cuollo avvolto
da 'na sciarpa 'e lana,
cammini
'ncopp'a 'sta rena
gelida
mentre 'o viento
te trase 'int''e capille.
No,
nun è viento
'e malincunia.
E' viento
timido (scurnuso)
che t'accarezza
'a faccia.

24-11-1999
17:05

- Rotonda Diaz -

Lenta 'na varca
se posa
'nterra 'a rena.
'Sti facce,
signate da 'na vita
campata
'ncopp''o mare,
sbarcano.
'E fretta,
'na rezza
carreca 'e pisci,
ancora vivi,
svacantano.
N'aizano
'n'ata
e chiano,
'ncopp'a 'stu manto
grigio,
'a stenneno.
Guardano
'sta Sirena
e,
comme 'nu sciore,
'mpietto
l'appojano
'n'alga 'e mare.

26-11-1999
06:55

'Na quiete,
'nu silenzio,
t'abbraccia
mentre te pierdi
'nmiezo 'e viali
d''o bosco 'e Capemonte.
Aleggia
dint'a l'aria
'o canto
'e 'n aucelluzzo.

02-12-1999
07:00

Lassalo passa'
'stu viento
'nmiezo a 'sti capille.
Lassalo sunna'
purtannose
'o culore
'ell'uocchie
tuoje.
Lassalo canta'
'e vierze
cchiù belli
che sta scrivenno
pe' te.
Lassate astregnere
'a mana
pe' te fa' accumpagna'
tra 'e suonni.

06-12-1999
16:55

Me vene mente
quanno jevo a' scola,
quanno d''a casa
ascevo alleramente.
Me vene mente mò,
doppo tant'anni
ca so' passati
currenno
'nzieme a me.

09-12-1999
19:20

'Ncopp'a 'sti scese,
ca saglieno
là 'ncoppa,
ce sta
'nu luogo
fatto pe' duje cori.
Uno ce saglie
pe' chiedere
'na grazia.
L'ato ce saglie
pe' suspira'
l'ammore.
Tutti ce saglieno
'ncopp'a 'e tridece scese
'e Sant'Antonio.

09-12-1999
20:05

Ce site maje passati
pe' dinto 'e viche
areto 'e spalle
'ell'Università?
Avite maje sentuto
dint'all'aria
voce ammiscate
cu' 'e prete
'e chelli vvie?

10-12-1999
16:45

Bonasera Euggenia,
quanta ricordi
me so' venuti a mente
scrivennote 'n aneddoto
d''a scola.
So' ritornato areto
dint''o tiempo
e me so' arricurdato
'e 'na guagliona.
E che uocchie ca teneva,
comme a ddoje perle nere
truvate chisà 'nfunno
a quale mare.
Euggenia mia,
t''o giuro,
mò ca ce penzo,
senza capi' cchiù niente
me n'annammuraje.
E penzo e ce ripenzo.
'A vuo' sape' 'na cosa?
'Na frase sola
nun l'aggio ditto maje:
ca m'ero 'nnammurato
(e chesta è 'a verità).
Mannaggia 'a capa mia
e chisto treno
fermo 'ncopp''o binario
e ca nun vo' parti'.
Va', finalmente,
è juto.
Ma chisto viaggio
ancora
ha da ferni'.

10-12-1999
17:05

Me voglio illudere,
stanno cu' ll'uocchie 'nchiusi,
ca chisto treno
s'è fermato a Napule.
E 'na vota asciuto
fora d''a staziona
da tanta folla
me veco circondato.
Me voglio illudere
ca so' turnato a Napule.
Me voglio illudere
ca maje cchiù
aggio 'a parti'.
Me voglio illudere.
Ma quanno arapo ll'uocchie
me rendo conto
che m'aggio illuso
ancora.

16-12-1999
07:05

'Nnanze a 'nu piatto
'e pasta fatta a forno
ringrazio 'a Terra
'e chello ca ce dà.
Forte,
dint''o penziero,
allucco 'a gioia
che sulo 'sta pietanza
te po' da'.
'A sfoglia 'e pasta
fatta cu' farina e ova;
'o ragù
fatto cu' 'e pummarole fresche;
'a muzzarella 'e bufala;
'e pulpettelle 'e manzo;
e l'ovo sodo,
'nmiezo,
tagliato a spicchitielli.
Te songo grato
Terra
'e 'sta Campania mia.
E songo grato
a' gente
che ancora
te fatica.

20-12-1999
07:05

Dinto a 'nu tegamino
se stanno rosolando
'e purpetielli.
L'aglio cu' l'uoglio
friccicheano attuorno
quanno ce mengo dinto
doje o tre pummarulelle.
Che addore e che delizia,
ca ne vene fora,
mentre 'ncopp''o fornello
cociono 'a cchiù 'e mez'ora.
Quanno ce aggiungo
'nu pizzichillo 'e sale
me faccio 'na domanda
e ce rimango male:
"Sale,
tu, che d''a Terra
sî 'a vita,
sî vitale,
pecchè staje 'nzapurenno
'a morte
'e chesti creature
'e mare?"

20-12-1999
15:30

Natale sta arrivanno
'nzieme a 'e ricordi
'e chilli già passati.
Passati a Napule,
passati 'a casa mia.
'O ricordo
è prufumato
dall'addore d''e struffoli
amalgamati a 'o miele,
a l'addore
de l'albero 'e Natale
tutto addobbato
cu' luce e palluccelle.
E veco ancora
'o Nonno
che pripara 'a colla 'e pesce.
'O veco, allerta,
cu' 'e cosce a bancarella,
mentre da 'nu cartone
piglia 'e pasturielli.
'Nu ricordo
'e Natale
me vene mente.

23-12-1999
07:00

Sotto a 'stu velo
'e pane grattuggiato
hanno annascuso
pasta ammiscata,
provola
e patane.
'O culore e 'o cavero
te saglieno 'nfaccia
e pare ca 'o sole
staje guardanno.

10-01-2000
06:50

Ccà stevano 'na vota
cunvienti 'e munachelle,
ma 'a quiete è sempe 'a stessa
scennenno 'e grare
'e San Carlo alle Mortelle.
Te se rilassa 'o core
'nmiezo a 'sti strade
pe' do' ce passa sempe
poca gente.
Giri 'nu vico,
vide 'na scalinata
e già staje cammenanno
pe' Santa Maria Apparente.
Si vuo' vede'
'nu poco d'ammuina
hê 'a scennere
pe' Piazzetta Mondragone.
E quanno arrivi
'nmiezo Sant'Anna 'e Palazzo
e vide ca de gente è chino
te ne tuorn'areto,
chiano chiano,
fino a che arrivi 'ncopp'a
San Nicola da Tolentino.

21-02-2000
15:05

E' comme si 'o tiempo
nun passasse maje
mentre aspetto 'o juorno
'e te vede'.
Te penzo e immaggino
ca 'nmiezo a strade,
a me cunusciute,
tu me parle,
senza maje fermarte,
comme si tenisse scuorno
'e me guarda'
'int'all'uocchie.
"Fermate"
te chiedo cu''o penziero.
Me guarde.
Ce vasammo.

21-02-2000
15:15

Nun 'o ferma' 'stu penziero
ca te puorte appriesso,
dint''a capa,
'a stammatina.
Fallo correre
sotto a 'sta penna
primma ca t''o scuorde.
Ma 'e penzieri
se so' maje fermati?

24-02-2000
18:45

- Piazza Ragusa (Roma) -

'Sta piazza nun è
chella addo' t'affacciave
fino all'autrieri.
Te pare brutta,
nun 'a cunosci
e 'a vulisse fa' addeventa'
cchiù bella.
'E tieni cinche minuti
'e tiempo?
Miettete areto 'e llastre
d''a fenesta
e chiude ll'uocchie.
E comm'è bella
'sta macchia azzurra
ca se stenne
fino a supera'
l'orizzonte.
E comm'è bello
l'addore 'e mare.

24-02-2000
19:00

Belli chist'uocchie
ca pareno distratti
ma guardano
facenno finta
'e leggere.
Nun scorrono
'sti rrighe,
nun vedono
'e parole.
Seguono
'e penzieri
scritti
'ncopp''e fogli
d''a fantasia.

02-03-2000
19:15

Saglienno a piedi
Via Posillipo
tengo dint''o core
'n'allegria.
E chi me guarda 'nfaccia
capisce.
E pur'isso,
allero,
prosegue 'a passeggiata.
Putesse cammena'
cu' ll'uocchie 'nchiusi,
sapenno già
chello ca se vede.
Ma tengo apierti ll'uocchie
pe' guarda' 'e ricordi.

02-03-2000
19:50

'E ricordi
s'ammescano cu''e vierzi
d''e canzone.
Canzone scritte 'a me
o scritte 'a 'n ato,
ma sempe recitate
cu' passione.
Ne scrivevo tante,
mò nun ne scrivo cchiù.
Tenevo 'n'ata vocia
o tenevo 'n ato core?
Nun 'o saccio.
Tenevo,
è certo,
tant'anni 'e meno.

05-04-2000
06:05