free web hosting | website hosting | Business Hosting Services | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  



O’ Muscillo

  L’anno afferrato. E ‘o povero muscillo
cu na curdella ‘nganna è strascenato
a na mmorra ‘e guagliune d’ ‘o Scudillo,
comme si fosse stato cundannato.

 Ch’a fatto? Niente. Cu ‘a curella allerta
e ll’uocchie ‘e fuoco, ha visto stammatina
striscià pe ‘sott’ ‘o muro na lacerta
‘a dint’ ‘o fenestiello d’ ‘a cucina.

 Ha perzo ‘e lume e s’è menato abbascio.
Nun l’avesse mai fatta sta scappata!
‘A lacerta è fujuta int’ ‘a nu vascio,
e a isso ‘a nera sciorte ll’è attuccata.

 E’ addivintato nu mattuoglio niro,
‘a che teneva ‘o pilo bianco e rrusso.
E ‘o guaglione – ca meglio l’ave a tiro –
lle dà mazzate ‘ncapo e ‘nfaccia ‘o musso

 -Frusta! – Frusta! – ‘A lacerta a chi lle data.
- Dalle Totò! – Papà, chiamma a Ciccillo! –
E d’ ‘o Scudillo, quanto longa è ‘a strata,
choveno vrecce ‘ncuollo a stu muscillo!

  Ma doppo cchiù de n’ora ‘e sta turtura
‘o muscillo già muorto e ‘nzanguinato,
‘o menano pe’ dint’a fugnatura
‘e nu vico sulagno e sffussecato.

 E’ mezanotte. E ‘a fore ‘o fenestiello
na capa cu na scuffia sta chiammanno:
 
- Muscio? Muscio? Ce siente? Lazzariello?
E ‘a stammatina ca te sto aspettanno?!
         
Muscio?
                   
Muscio?
                   
          Muscio?