free web hosting | free website | Business Hosting | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  


Pizziata incontro Lyon dal 25 al 27 maggio 2001

 

Resoconto Bodi:

Noi simm' arrivati venerdi sera a Lione. Teresa a mugliera mia ed io.

Dopo di rinfrescarci e vede' "in situ" che neanche i francesi conoscono 'o bide (maronna io pensavo che era n'invento suo) abbiamo deciso di scendere a fa 'na cammenata intorno a l'albergho.
Arrivati a l'ascensore c'incontriamo 'nu facchino caricato 'e roba molto elegante. Allora sento alla mie spalle: - bodi!!!!!!!!!! Non era un facchino che portava la roba era il nostro amico Vittorio 'e Pordenone!!!!!!!!! .;-))
Abbraci, baci, presentazioni. Primo contatto di napoletanita a Lione.
Ci disse che sua moglie sta riposando , ma amici nun credite chisto malandrino; lui ha nascosto Cristina, accusí si chiama 'a bella fanciulla, pecchè cunuse già 'a famma 'e Don Luigi 'o seduttore che si porta via tutte le donne con il suo fascino. Finalmente lei si è scapatta e abbiamo conosciutto 'a femmena cchiú bella è simpàtica dal Friuli, Veneto e Trentino assieme.
Poi girando per i giardinetti arrivano Gianni e Carmelina assieme a Tonino.
je song cominciato a schiata' d'alleria, al momento arrivano Sophie, la  moglie di Tonino e nu bello piccirillo, Luca, 'o figlio 'e Tonino.
Non ho tempo ancora di rifarmi che posso gi'a stregne int' 'a braccia a Don Luigi, Marie Rose, Adina (finalmente ci conosciamo), Patrick.
Tra quella folla di amici emerge come nu bel fiore, Emilia. Maronna, 'na eleganza, 'na simpatia, 'nu sorriso sempe in faccia che fa uscire 'o sole. Lei l'organizatrice, con tutte le piantine, menú, siti interesanti da vedé è 'na cosa grande.....
C'aravamo tutti. Tutti???? NO!!! Mancava ancora Mariano. Lui era arrivato dalle nove 'o mattino è nun s'aveva fatto conoscere ancora.
Tutti ci chiedevamo ma Mariano, addo sta'?
Mariano, girava da ore per il "vieux Lyon" innamorando tutte le francese con la sua rosa tatuatta nel braccio.
Quella sera abbiamo mangiato la pasta, ognuno al suo gusto, la cameriera era simpaticisima (l'única a Lyone), poi simmo turnate in albergho. Lí fu la fine 'o munno.Cristina e Vittorio portavano 'na bella pastiera (cucinata da Cristina) e 'o liquore. Ma che pastiera, ragazzi era cchiú grossa che 'a Piazza Plebiscito. La mia pancia mi song' ingrassato n'atu poco poco....;-))
Barzellete, risate e atenzione arriva 'o portiere di notte de l'albergho e comincia a dirmi (non so neppure se mi bestemmiava) io nun capisco 'a parola 'o francese. Ma scusate... voi capite che in mezzo a tutti quanti che capivano 'a sua lingua mi sgrida a me?
Io ho guardato Adina, un po' spaventato;
- Adí, ma che me disse chistu pazzo? Adina, tranquila ma rispunne; - Bodi, stai tranquillo chisto nun è in lista. Lascia sta'. E accusí ho fatto. Questi francesi non hanno senso del umore, nun sanno ridere, troppa "creme fraîche" dint' 'o cibo. Loro magnano sullo schifezze e da sicuro che quanno ha visto 'na pastiera e 'o ciocolatto che portavanno Gianni e Carmelí, è diventato nu invidioso.
Doppo questa scorpacciata di roba buona e stanchi assaje ce ne andiamo al letto.
Il sabato ci sveglia con il sole, il caldo ma con un cielo bello e pulito.
Doopo la colazione ci mettiamo in moto. Tram (senza biglietto) e funicolare (col biglietto, ma incazzati con questi francesi che non scrivono altre lingue nelle machinette di bigletti, neppure nei bancomat).
Aperitivo nel belvedere e pranzo in un bel posto (bella scelta Emí) ma 'o cameriere era controso, nervoso e un po' strunzo. Non ci voleva porta' 'o dolci, voleva farmi magna' "assiete de fromage" a me, A ME che mi piace sullo 'a scamorza e 'o cacciocavallo. Come disse Mariano. Ignoranti, limitati che nun conoscono 'a buona roba.
Dopo pranzo ce ne andiamo a truva Celine, 'a bella parigina, uocchie 'e mare che ama come me Napule e 'a gente soja.
Giro turistico per il teatro galo-romano e jammo 'a piglia' 'o caffé nel centro storico. Alcuni ce ne andiamo a riposa, gli altri cchiú coraggiosi girano ancora per le belle stradine dal centro di Lione.
'A cena, Emilia sempre organizzata ci porta a 'na pizzeria in centro.
Maronna, n'atta vota. Me viene 'na ragazza vestita 'e rosso, e m'accumincia a sgrida'. Metitte sul tapetto rosso!!!! (pecche sempre rosso? sono comunisti tutti?) Facitemme 'a fila!!!! Nun muoversi!!!
Io gli ho chiesto a Tonino se quello era un incubo e stavo facendo di nuovo
'o servizio militare. Tonino mi ha detto che no, che io ero sveglio ma per fortuna che la ragazza ci ha dato nu bicchiere champagne e non un fucile se no vi giuro l'amazzoOOOO!!!
Ma 'a che faccia teng' je, ca tutt' 'o francesi se la pigliano cu'mme?. Eravamo appunt di entrare in pizzeria 'e comincia 'na musica 'e discotheque, forte, comme se tutte 'e buffale della Campania arrivassero a Lione, poi le luci, luci rotonde 'e tutte 'e cullure ci circondavano. Tonino me disse che
erano 'e pizze che scendavano d' 'o cielo. Io preferisco crede' a Toní ca 'a nu francese.
In pizzeria nun si capiva niente, 'o camerieri gridavano per farsi sentí, e noi gridavamo pecche quello non era musica era uno scandalo, 'na confusione, 'o inferno in terra. C'erano i giornalisti, i fotografi, maronna mia nu burdello.
Avvimmo magnato 'e pizze ma non c'era 'o limoncello.
Don Luigi che saggio assaje, vedendomi triste senza il mio bicchierino 'e limoncello mi disse;
-Guagliu', chisto pomeriggio hai chiesto nu caffé friddo, mo' 'o limoncello, scetati guagliú chisto nun è Napule!!!!!!!!!!!!!
Ma Don Luigi questa votta ha sbagliato ;-)) Veramente nun era a Napule città, ma mi cirdondavano nu sacco 'e cuori napoletani e pe me', nei miei sogni, ero a Napule.
Grazie mille, vi voglio bene assaje carissimi. Grazie pe' queste tre juornate napoletane, essendo tanto luntano 'e Napule.
Bodo
Rappresentante di Napoletanita in Spagna

 

Pagina precedente