free web hosting | website hosting | Business Hosting Services | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  

 
Proverbi Napoletani (I)

Pagina precedente

'I a chèlla l' adoro 'e penzière L'adoro, l'amo con tutto il cuore quella ragazza
Iammo 'a ffa 'mbressa.  Facciamo presto, sbrighiamoci!
Iammo 'a franco cu' 'a chiesia Non ci costa niente
Iammo 'a franco Parliamoci francamente 
Iammo bello, ch' 'abbiate 'nce simmo Coraggio, che siamo partiti, abbiamo cominciato
Iammo cuoncio dicette 'a vitella a 'o voje Piano piano, con calma 
Iammuncenne, siente a me, dicette 'a patella a 'u scuoglio si dice ironicamente di due persone l'una più pigra dell'altra
I' cammino cu' 'a carrozza d' 'o scarpariello Io vado a piedi
I' co' lo mio' tu co' lo tuoio; amico co' tutti, tristo co' nesciuno Ognuno viva con quello che possiede, sia amico di tutti, nemico di nessuno
I' dico ca chiove, ma nun già che delluvia... Va bene, siamo in un bel pasticcio, ma non c'è addirittura da disperarsi 
Iere facive 'o guappo a mare e mo fai 'o strunzo 'int' 'a spasella Ieri ti davi tante arie e ora sei Ii' immobile... 
Ieva facenne 'o fesso. Faceva il buffone 
'I fesse fanno 'a festa e 'i dritte se spassano Gli stupidi pagano e gli intelligenti se la spassano a spese loro
I figlie so' piezz' 'e core l figli sono una parte di noi stessi
I' magne 'e mele acèvere e a te s'alliano è diente Io mi sacrifico e tu ti senti male?
I male guvernate 'i gguverna Dio A quelli che sono abbandonati a se stessi pensa Dio 
I' me chiammo Cannavaccio: nun me 'ntrico e nun me 'mpaccio Mi faccio i fatti miei
I' me chiammo cucchie-cucchie: chisti fatti a chi I'accucchie? Per chi mi hai preso? A chi le racconti queste sciocchezze?
I' me chiammo 'nsalata: si nun si tu, è n'ata Non sono proprio tipo da soffrire se mi lasci: mi trovero un'altra ragazza
I' me chiammo Vicienzo' e a 'i fesse n' 'e dongo audienza Forse non mi conoscete bene: io non ho tempo da perdere con gli scemi... 
I meglie cunsigli songhe chille ca nun se paveno. I migliori consigli son quelli che non si pagano (ma quelli... non si apprezzano)
I' me ne scutuleo 'i panne Io mi tolgo di mezzo, me ne lavo le mani
I' me sceto sempe matina. Mi sveglio sempre di buon mattino
I' me sparagno e nun me 'mpaccio Io non mi impiccio dei fatti altrui e non ne soffro 
I' me sparagne 'a mugliera e l'ate sa fottono Il colmo dell'avarizia
Int' 'a casa d' 'o mpiso nun nummenà chiappe Non parlar di corda a casa den 'impiccato, non ricordare un dolore a chi ha sofferto 
Int' 'a n' ora Dio lavora Il Signore fa in un'ora quel che non ha fatto per anni
Int' 'a terra de' cecate chi tene 'n'uocchio è figlio a Dio Tutto è relativo
Int''a vita tutto po' essere, tranne ca l'ommo prèno Tutto puo accadere al mondo, tranne che l'uomo s'ingravidi
Int' 'a vocca chiusa nun traseno mosche Meglio tacere che dire stupidagini
I' nun so' fesso: si faccio 'o fesso, è pe' nun essere fatto fesso. Non son mica scemo, e se lo sembro è per non esser gabbato
I' nun te faccio manc' 'o 'llatte 'e furmicula Non ti faccio mancare niente, ti procuro tutto cio che vuoi 
I renare s'abbuschene cu' 'a spogne e se ne vanne cu' 'e cate I soldi si guadagnano pochi per volta e se ne vanno a fiumi
I reritte moreno pe' mmane d' 'e fessi Talvolta gli uomini intelligenti e coraggiosi sono sopraffatti dagli stupidi
Irse a piglià 'o palio Dove vai cosi' allegro? Credi di andare a prendere un premio? 
Irse a spilà' 'e recchie a san Pascale Andarsi a sturare le orecchie
Irsene a calascione Andarsene stupidamente
Irsene cu' 'na mana 'nnanze e 'n'ata arreto Andarsene senza guadagnarci niente
I serviture nun songo autre che ventre I servi pensano soltanto a mangiare
I' so' chillo ca votta 'o carro p' 'a scesa Io son quello che manda avanti la baracca
I' so' de poche parole: bufunchiaie 'o pappavallo Sono di poche parole, disse il pappagalIo per prendere in giro chi invece chiacchiera inesauribilmente 
I strunze saglieno sempe 'a galle I cattivi riescono sempre a farsi notare
I' te conosco piro Ti conosco bene, ti conosco da quando eri bambino
I' tengo cinquantacinche 'mmano Io ho le carte vincenti, sono sicuro del fatto mio
I' ve servo a barda e a sella. Vi servirà per bene...
 

Pagina precedente