free web hosting | website hosting | Web Hosting | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  

Resoconto incontro a Santarcangelo di Romagna

Festa di San Martino (dei Cornuti)

9-10 novembre 2002

La prima cosa che ho fatto sabato mattino 9 novembre 2002 è stata quella di guardare le previsioni del tempo su Canale 5. Siccome la TV del nostro Leader dice sempre la verità mi sono fidato. Le previsioni erano abbastanza negative. Infatti da Bologna in giù si segnalavano nuvole minacciose. Allora sono partito tranquillo, infatti sabato e domenica sono state giornate splendide. ;o))))

Un poco prima di arrivare a Santarcangelo c’è stata la classica telefonatina per avvisare Leandro che stavamo per giungere alla meta. Puntualmente Leandro è venuto a prenderci fuori dallo svincolo autostradale.

Prima tappa una bella passeggiata sulla spiaggia di Belluria. Dopo aver inalato a pieni polmoni la spumeggiante aria di mare e dopo aver bevuto un graditissimo aperitivo siamo andati a casa di Leandro dove abbiamo trovato la splendida Concetta intenta a prepararci un bel pranzetto di benvenuto.

Mentre le nostre belle signore erano indaffarate a raccontarsi le loro facezie varie, io e Leandro ci siamo messi a lavorare. Dove ci chiederete voi? Semplice. Io sul Computer e Leandro e preparare il suo omaggio per la l’incontro della sera.

Dopo aver pranzato siamo andati a vedere la Fiera di San Martino. Bella gente, belle bancarelle, splendidi stand eno-gastronomici ma, c’è un ma. Infatti tutti i partecipanti alla fiera devono sottoporsi ad una terribile prova. Quale prova mi chiederete voi? Una tortura? Camminare sui carboni ardenti? Farsi intervistare da Marzullo? Magari!!!!! La prova consisteva nel passare sotto un grande arco dove sono appese, legate ad un filo, un paio di grandi corna. Orbene, se passando sotto questo arco le corna si muovono vuol dire che…………….. Ci siamo capiti bene vuol dire che il tuo patner ti ha regalato quel simpatico gingillo. Io, prudentemente, e a scanso di equivoci, mi sono tenuto di lato ;o))))) e, sempre per eccesso di prudenza, non ho guardato in alto…….. non si sa mai.

Invece, Lea’ mi dispiace ma aggia’ parla’, quando è passato Leandro …. Avite presente quando suonano e’ campane e’ San Pietro?? Embe’ le corna appese all’arco suonavano a festa. Mi dispiace solo che era notte e che le foto so’ venute scure ………… altrimenti c’era la prova lampante. Lea’ sei il solito fortunato.

Dopo la passeggiatina appuntamento generale all’agri-turismo La Gaiofana, con gli amici di Amarerimini – Centro Culturale Sociale di Romagna – Giornale degli Artisti . gruppo culturale di arti varie e poesia.

Devo dire che la serata è stata molto interessante. Vari poeti hanno presentato le loro opere tra l’attenzione e gli applausi degli astanti. Io e Cristina, non avendo grandi doti poetiche, abbiamo presentato una poesia a modo nostro intitolata “E’ struffoli” e credo che anche questa poesia culinaria si stata gradita moltissimo. La serata è stata anche allietata dall’amico Sasha e dalla sua fisarmonica. Chi è Sasha mi chiederete voi? Io l’ho definito il russo-romagnolo. E’ un simpatico ragazzo di San Pietroburgo che vive da vari anni in Italia e che ama tantissimo il nostro paese.

La serata tra mangiare, momenti culturali e musica varia è finita all’una di notte. Quando siamo andati a dormire eravamo stanchi morti ma tutti soddisfatti delle nuove amicizie fatte. Ah dimenticavo!! Prima di andare via il buon Leandro ci ha omaggiato di un talismano, con relativa pergamena a ricordo della serata, sempre utile in tutte le occasioni. Vedere le foto per sincerarsi di cosa si tratta.

Domenica 10 novembre ritrovo (solo per pochi eletti, io e Cristina) a casa di Leandro per una buona e abbondante colazione poi, partenza per la Repubblica di San Marino dove ci aspettava Luciano e la moglie. Era la prima volta che andavo a San Marino, devo dire che sono rimasto molto soddisfatto della passeggiata, da quell’altura si può ammirare un panorama stupendo.

A mezzogiorno, tanto per cambiare, altra mangiata a casa di Leandro insieme a Concetta, Luciano e Gianna, oltre, naturalmente io e Cristina.

Poi, come tutte le più belle cose, è venuta l’ora del ritorno a casa. Abbracci, baci e saluti con la solenne promessa di rivederci al più presto in altre occasioni piacevoli come queste.

Vittorio