free web hosting | free hosting | Web Hosting | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  


Ristorante Pugliese in Belgio

 

 “L intenzione e’ stata sempre quella di portare un angolo di Puglia in Belgio…”.

Con queste parole esordisce Francesco, barese del San Paolo “quartiere abbastanza degradato” da sei “lunghi ma veloci anni ” a Bruxelles.

E’ certamente una storia di questi tempi, in linea con la mobilità più rocambolesca per chi deve, e vuole vivere meglio.

“ A Bari avevo non molte possibilità di riuscire, allora pensai di venire nel cuore d’Europa per quattro mesi poi…. ”.

Diplomato ragioniere programmatore, esperienza come carabiniere a Palermo aggregato per i Vespri siciliani “ facevo la scorta al giudice Lo Forte”, e “purtroppo non avendo la possibilità di studiare l’Università sono venuto come lavapiatti. Ora gestisco con Claudio, dopo aver avuto la fiducia di  Ennio, il ristorante pizzeria Puglia”

Francesco è contento di ricordare, senza alcuna vergogna i primi tempi da lavapiatti.

 “ Si deve fare la gavetta per tutto ma alla fine a tutto si arriva” con tanta fierezza indica l’insegna del ristorante tra le tante di tutte le nazioni, in Chaussée de Louvain che la rendono un arcobaleno di ristoranti.

Gli odori e i profumi sono stimolanti, chiediamo se realmente al nome “Puglia” corrisponde una cucina pugliese, Francesco sorride e non senza un marcatissimo accento barese “spalanca” il menù ed elenca: “orecchiette fatte a mano con tanta pazienza una a una con le cime di rape importate ogni settimana da Corato, la domenica le bragiuole, pasta e fagioli, pasta e ceci e pizze di tutti i generi, olio, vino e olive”.

Non contento, quasi per avere una una conferma, non si schernisce ad interpellare quattro “putignanesi” di cosa ne pensassero e, Giovanni annuisce sventolando una forchetta.

Parzialmente contento della risposta continua in un racconto misto di cucina e nostalgia, “per noi proporre la cucina tipica e come far ritornare a casa ogni sera i nostri clienti”.

A testimonianza dell’assoluta pugliesita’ della cucina ci mostra le foto dei vari personaggi pugliesi “illustri” ospiti del ristorante: “ Michele Placido è venuto per tre sere di seguito quando ha presentato un film al consolato ed é stato mandato da amici del Consolato italiano. Viene l’onorevole Pietro Mennea spessissimo, ci fa correre ma noi senza affanno gli stiamo dietro. Anche Rosetta Jervolino ha mangiato da noi”.

Alla provocazione se pensa di vivere per sempre a Bruxelles con voce sommessa risponde “ il mio cuore è  sempre a Bari e a parte il clima tutto va sempre bene”.

Tutti, specialmente i pugliesi, abili mariani abituati a navigare nei mari non facili della Vita hanno bisogno di un porto dove potersi ancorare.

Francesco, per magia ed unicità della sorte, la sua ancora di salvataggio la ha trovata al ristorante, “Katia è venuta a trovare suo padre Claudio per qualche giorno ma tra pochi mesi sarà  mia moglie e  ci sposeremo in Puglia costi quel che costi”.

La serata é conclusa, le sedie sono sui tavoli anche il fuoco nel forno e’ stanco.

Salutandoci con consueta cordialità prima di chiudere la porta grida “ Maria s'il vous plaît, fa subtt ca teng fam”.

di Giuseppe Dimiccoli

Bruxelles 02 02 2001