free web hosting | free website | Business Web Hosting | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  


Ruvo MariaRosaria

O' guaio 'e notte (Dedicata a Felix)

'E cinch' 'a matina accummencia o' turmiento.
Te sceta a' int' 'o suonno nu' triste lamiento:
"Mau, Mau". Sta male qualcuno?
Nonsignore. E' Felix diuno!
Diuno? Si ha mangiato a mezanotte!
Stu' gatto c'ha pe' stommaco na votte!
E chiagne e passa e spassa ngopp' 'o lietto
fino a che nun te susi e dint' 'o piatto
nce miette 'na manciata e' crucchetielli
e 'o vide ca s'allecca i baffetielli.

Latte a temperatura ambiente alle ore otto,
meglio se nce stà dinto nu' biscotto.
All'unnece vuol fare uno spuntino:
te chiamma e va' truvann' o formaggino!
E mentre ca ll'argiento liev' attuorno,
pienzi a chi t'ha cecato chillu juorno
e t' i' a ffa' chella lunga passeggiata
dint' a campagna, addo' steva 'nfrattata
mmiez' all'evera 'nfosa e fresca e' primmavera 
chella palluttolella bianca e nera. 
"Gli voglio dare solo un po' di latte",
e te' purtast'a casa o' guaio 'e notte
ca 'mbresso s'ha 'mparato a te fa fesso
con quello sguardo furbo da smargiasso.

A pranzo intero intero un merluzzetto
c'o parmiggiano 'ngoppa: puveretto!
Essa schianta' pe' terra agonizzante
pecchè teneva o' stommaco avvagante?
E' cinch' o juorno, come un lord inglese,
avanza nuovamente altre pretese.
Ddoie cruccantini, 'na fella 'e prusutto:
chello ca tieni: se fa' fore tutto!

Vulisse sta' nu' poco quieto a cena
e invece n'ata vota chella jena
a' sott'a tavola allucca e te chiamma
pe' te fa' arricurda' ca tene famma. 
Aropp' na' iurnata e sta' manera
sperass' e t'addurmi' na' notte intera...
Ma appena hai chiuso ll'uocchie, o' mascalzone
te strilla malamente: vo' o' pappone!
Te suse n'ata vota e cu' pacienza
nce dai coccosa ca nce riempie a' panza.
E te ne tuorn' a lietto triste e afflitto:
o' ssai ca tra cinch'ore il maledetto
n'ato urlo e' battaglia levarra'
e n'atu juorno e guerra schiarerà'.



Primmavera a Novembre

Dint''a nebbia 'e na jurnata
ca' nunn'è grigio e' novembre,
ma è quel buio che da sempre
saglie chiano e astregne 'o core,

e te vide dint''o scuro
ca nunn'è 'o  scuro d''a notte, 
sai che addret' 'a chillu muro 
'nce sara' mo' n'ata grotta, 

quanno pienzi ch'è fernuta 
ca nun tieni cchiu' speranza,
vuoi sta' sulo int' 'a na' stanza 
a sentire il tuo dolore....

D'improvviso, d'int''o nniro 
ca nunn'è 'o  niro d''a sera,
te compare tutt' a un tratto
n'ata vota primmavera.

So' ddoie uocchie e nu muscillo
ca te chiede 'na carezza;
è la voce 'e 'na creatura
ca te move 'a tenerezza;

è 'na lettera 'e n'amica
ca nun sient' 'a tantu tiempo,
è nu sciore solitario
mmiez' a blocchi di cemento.


Dint' 'o scuro 'e chesta sera
ch'era scuro cchiu' d''a notte
aggiu visto n'ata luce:
è schiarato n'atu juorno.