free web hosting | free hosting | Business Hosting | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  


Scugnizzo

'Mmiez''e ppagine 'e nu libbro 

Tengo astipate
'mmiez''e ppagine 'e nu libbro ,
a ppagina cinquanta
na lettera d'ammore .
M''a scrivette na figliola ,
n'angiulillo 'e Paradiso ,
cu' dduie uocchie nire e belle
e 'a faccella 'e margarita .
'Int'a 'a lettera stà scritto
ca me vò nu sacco 'e bbene
ca me penza notte e ghiuorno
e me manna tanta vase .
Sta figliola mo è luntana
'o destino c'ha spartuto
ogni tanto arapo 'o libbro e sogno
e m''a sento cchiù vicino.
Vurria canta'

Vurria canta'
sotto a nu balcone
na canzona bella
che parla d'ammore
che aggio scritto
pe' duie uocchie 'e stella
che m'hanno miso 
'a luce dint''o core.
Sti parole 'e sentimento 
ca me volano 'int''o pietto
ca chitarra e o chiaro 'e luna
vurria spannere 'int''a notte.

L'ombra

L'ata sera a tarda ora
m'arretiro chianu chiano
quanno sotto a nu lampione
veco a uno che sta appriesso .
Era n'omme assaje curiuso
niro niro,silenziuso,
cierti mumente se faceva sicco e luongo
e all'intrasatta o vedevo curto e chiatto.
Le dicette ne' che e' stato?
si tu si nu mariuolo
te 'gghiuta male sta jurnata,
arretirete che e' meglio
pecche' io so' disgraziato.
Nun dicette na parola,
me veneva sempe appriesso,
e sicco e luongo,curto e chiatto,
m'accumpagnaie fino a' casa.
'A matina dint''o lietto
cu' nu forte male 'e capa
penzanno 'o fatto d''a nuttata
me facette na resata.
Chill'omme niro niro
era l'ombra 'e chistu fesso,
quantu vino me bevette
per parla' ... si , cu mme stesso !

Luna

Dormi luna
rannicchiata come una bambina
alla carezza del mattino.
Stanca...dormi
tu che accendi le notti
dei poeti e degli amanti...
silenziosa...
Riposa dunque
massaia celeste
sorella dei miei sogni.

Piccola rosa
Piccola rosa,
mi inebrio
nel tuo profumo
che fende l'aria che respiro,
ti respiro.
Piccola farfalla,
ti posi sulla piccola rosa...
... non ho parole.
Dolce visione
Ho rivisto gli occhi
ove un tempo miravo stelle,
medica visione
per chi poso' la penna.
Di nuovo
s'avvicina il canto
e poesia 
ancor mi sveglia.

A Parigi

Dalla ferrea tor
o Parigi
della tua bellezza son suddito.
Gabbiani i miei occhi
si tuffano nei mille boulevard
che si abbracciano felici
al trionfante arco
memore della spada
del corsico imperator.
La maesta' del Louvre
colma la mia anima
che beata vaga
nel profumo delle Tuileires.
Montmartre modella
posa avvolta nel bianco velo
frangiato dai gradini del Sacro Cuor
e la Concordia
che sangue di coronate teste pianse,
or sorride al cielo
dall'alto egizio omaggio.
Il rosone di Notre dame,
ciclope occhio che Israel cinta
vide giu' le teste,
processi,corone e spose,
riflette i prismatici colori nella Senna,
azzurro serpente che striscia placido
nel suo punto di fuga.
I grandi di Francia
si elevano possenti
nell'argento e nell'oro
del Panthon e degli Invalides
mentre piange Pigalle
le arti e le notti andate.
E poi il Marais,Pont Neuf,Saint'Germain,
Palais Royal,gli Champs Elysees
e io,meraviglia,ti vedo,
ti respiro,ti tocco,ti bramo,ti sogno
con i tuoi credi,le tue genti,i tuoi lumi
o mia Parigi....
...io,tuo suddito.
Malinconia

Salpo
per notti malinconiche
spinto dalle maree
di dolci rimembranze
sulla scia delle stelle
che mai rotta
tracciarono piu' splendente.
 

A Rousseau

Or vanta le tue spoglie
citta' che talamo sottrasse
giogando... ginevrino
i tuoi canuti anni.
Qual peccato commettesti
da metter lungi le amate patrie
e qual commisero i nemici
per dar clausura ad aurea mente.
L'ipocrisia fuggisti
e l'invidia dei filosofi
spingendo all'umil sponda
anima alla deriva.
Cupido si celo' e amici
all'eremo cuor tuo condussero
si' Natura chiedesti in sposa
chiamando note ad empir le lune.

A Rimbaud

Giammai diro': "portatemi qualcosa".
Non mi appagheranno mille vite
il cuore e l'intelletto.
Sono scettico...prodigioso lume,
non credo a tal confine.
Ricresceranno i frutti
sull'albero della vita.
Quanti ne cogliesti
per illuderti si' tanto!

Mamma

I tuoi occhi stanchi
mi cercano fra la gente.
Brilla una lacrima...
...e' la mia cometa
che mi conduce a te.
Non parli
ma il tuo sguardo e' mille parole,
dolci parole d'amore.
Le raccolgo
per custodirle nello scrigno del mio cuore.
Sara' il mio tesoro
a cui potro' attingere
nei momenti bui.
Stai andando via...
...li',oltre le nubi
tra gli stormi di angeli
a cullar felice la tua anima pura.
Ti lascio con un sorriso...mamma.
Se il mio sogno s'avverasse

Se il mio sogno s'avverasse
giocherei con te bambina,
dolce bimba dai capelli neri
su cui Dio lo sguardo pose.
Correrei con te nei prati,
spiegate braccia,ali...
svegliando falene addormentate,
festa...girotondo di colori.
Animerei le bianche nubi
in personaggi di una fiaba
darei io a lor parola
c'era una volta...tuo sorriso.
Scriverei per te canzoni
e tante rime deliziose
filastrocche,indovinelli
e novelle a lieto fine.
E ti porterei la luna alla finestra
e dolci sogni da sognare
ogni notte...buonanotte
dormi dormi dolce bimba.
Lune invoco

Lune invoco,
argentee piogge
si' mirar
in spente notti
possa io
il tuo bel viso
pietra focaia
di si' tanto amor.
 

A Irma (bambina bosniaca)

L'uomo ti sta portando via...
piccolo fiore che non germogliera'.
Sentimento a te ignaro ti sta appassendo.
Noi grandi lo chiamiamo odio.
Terribile chimera che indurisce i cuori
e ci arma contro il fratello.
Piccola Irma,
vedo il sole tramontare nei tuoi occhi.
Afferra la mia mano...
ti condurro' dove i fiori
crescono nell'allegria,
in direzione del giorno
quando le pallottole violenteranno la notte...
lassu',verso il cielo
per mostrare al mondo 
il tuo volto dolcissimo.
Scavero' una trincea nel mio cuore
per dare a te rifugio,e pace,
e amore,e infanzia,e sogni.

Effimeri silenzi

Cerco effimeri silenzi
per sentir il tuo respiro
come brezza leggera
sussurrarmi che ci sei.
 

Oltre la cortina

Qual cortina
mi cela l'ode
che fu mia
in tempi andati.
Soccorretemi o muse
che' poesia m'e' lungi
e tenebra e' calata
come fiera e m'avvolge.

Fuoco

Non v'e' oceano
che possa spegnere
questo fuoco che danza nel mio petto
ogni qualvolta vedo te,Stefania!
Arde il mio cuore.
No,non e' l'inferno,
non vi son demoni,
ma e' un amore che nasce:il paradiso.
Non occorre che muoia 
per sapere che c'e',
dolce Stefania,il paradiso sei tu.
Tra le stagioni sei tu la primavera,
Sirio tra le stelle,
Venere ti chiami tra le dee.
Ansioso aspetto il crepuscolo
e che la luna si vesti d'argento
per sognar di te.
Infinita dolcezza,contagioso sorriso,
bellezza candida,soave voce,
occhi lucenti e belli.
S'empie di te la notte.
Oh dolci sogni
che cullano i miei occhi fino al mattino.
Aurora piu' non vedrei.


Dolce bimba

Sotto la falce della luna
io ti vedo,ti invoco,ti sogno.
Sogni nei miei sogni,vivi.
Sei fata,principessa,stella.
Mi specchio nei tuoi occhi,laghi.
Sei rosa,nettare,farfalla,corri.
Hai scavato in me,
stilla la vita.
Per te son poeta,scrivo,rinato.
Leggo il mare,le stagioni,
il notturno celeste.
Naufrago negli ermetici cuori,scappo.
Sei fanciulla nei miei sogni,
hai vissuto,vivi.
Son neri i tuoi capelli,dolce bimba.
Spuma

Ti cerco nel mio sogno
seguendo un'orma sulla sabbia
e poi un'altra e un'altra ancora.
Ti vedo in lontananza...
seduta...a contemplar la spuma
nei tuoi pensieri assorta.
Dietro te un faro 
aspetta che s'annotti
per ripetere fino all'alba:
qui e' Miseno... mentre due gabbiani
si tuffano nell'azzurro.
Non oso avvicinarmi...
distrarre la tua anima.
Ti guardo...
chissa' a cosa stai pensando.
Forse all'incanto che ti sta di fronte,
presto offuscato da una fredda citta' del nord
o a colui che s'e' involato oltre il cielo...
troppo in fretta...
alle parole che non gli hai detto
e a quelle che avresti voluto dirgli.
Forse alla tua bambina
augurandole miglior sorte della tua
o forse ancora stai pregando
affinche' Dio ti risparmi un altro caro.
Magari lo stai maledicendo
per aver giocato "duro" con la tua vita.
Una lacrima ti solca il viso.
Vorrei passar la mano nei tuoi capelli
per darti un po' di pace
e dirti tante cose...
Sei distante...
ti lascio a contemplar la spuma...

Oblio

In te m'oblio
come nell'assenzio
i maledetti poeti
posando i sensi
nei tuoi occhi
senza chimere.
A Laura

Ho dato il nome ad una stella...
Magica la notte mi ristora
quando lo sguardo si volge agli universi
ed e' li', nel suo splendore avvolta...
luminosa...e m'irraggia paradisi in seno.
Parole all'anima affido e ali
affinche',come rondine al suo clima vola,
le porti i miei reconditi pensieri
e torni,dopo aver toccato il sogno,
il mio dolce sogno,
a riferir d'amore e speme.
Stella...mia stella,
Laura t'ho chiamata.
Or nome tuo m'e' giunto
e mille soli m'esplodono nel cuore.
Chiedo

Chiedo alla rosa un petalo bagnato
alla notte una stella che mi culli
allo zefiro di giocar coi miei capelli
all'amico la carezza piu' affettuosa.
Chiedo al silenzio di portarmi dei consigli
al mondo un sorriso per i bimbi
alle guerre una tregua mai violata
alla nuvola due lacrime felici.
Chiedo al sole un raggio di speranza
al poeta una rima colorata
al sogno la fanciulla dei miei sogni
al mare una sirena tra le onde.
Chiedo al cielo un concerto di usignoli
al dottore una risata contagiosa
al mio cuore di serbare mai rancore
all'errore l'abbraccio del perdono.
Odio la guerra

Mio padre e' stato in guerra.
Ha combattuto...
da eroe,non so.
Forse ha ucciso...padri.
Fu prigioniero,ferito,ammalato,affamato.
La pace
stanco torno'.
Medaglia al merito
disse: odio la guerra.
A Roberto

Corri nelle strade del cielo
oltre l'azzurro
oltre gli orizzonti
oltre le cortine che fan
dell'uomo l'uomo.
Corri libero come il vento
al di la' della vita...
La vita.
Va' amico mio.
Libberta'

Dint 'a 'na caiola
n'aucelluzzo se ne more
sulo,triste e appucundruso
nun c'ha fa' manco a canta'.
Cu 'a capuzzella 'mmieze 'e sbarre
sonna de pute' allarga'
pe vula' luntano luntano
addo' 'nce sta 'a libberta'.
Il settimo giorno

Il settimo giorno Dio non riposo'.
Alati angeli per gli universi sparse
a prelevar la piu' lucente stella
e le piu' preziose gemme,
dell'usignolo il canto,
del cerbiatto la dolcezza,
la primavera tra le stagion.
L'ape die' il suo nettare,
immacolate rose i prati,
le falene la bellezza.
Fu cosi' creata colei che amo,
la fanciulla bruna
che anima mia 
ha al ciel donato.
Labirinto d'emozioni 
 
Mi perdo nel tuo sguardo
labirinto d'emozioni
ed'e' rapita l'anima
non c'e' via d'uscita.
 

 

Strali
 
I miei strali
all'arco puntero'
qualor mirassi
gli occhi tuoi
e non trovassi
la bellezza
A Maria

Sei caduta come la mia lacrima
tuffandoti negli elisi campi del cielo
e l'amor che hai dato
e' la chiave della volta
ove asilo trova la tua anima candida
e si libra come la farfalla della sera
placida e festosa
nel nettare di Dio.
Or sei angelo nel giardino dei prescelti
e con l'ali soffi in vento dell'amore.
Oh Maria
gonfia le vele del mio cuore
che naviga nei mari di sogni e di speranze
e giacero' felice all'ombra delle scapole di un angelo.
A Lorenzo

Sei arrivato...

come un'alba

attesa...chiamata...

magia di notte prodigiosa.

Sei venuto 

a bere il latte della vita

e indicare il mondo.

Eccoti qua Lorenzo...

ti voglio bene.
21 giugno

Verra' il lungo giorno
senza tramonto...
e ballerai.
Esalterai lo spirito...
leggero...
e guarderai l'anima.
Quel giorno sarai felice...
e ti vedro'.
In me

Ho scavato nel mio cuore 
per deporre un seme. 
Gli ho dato luce ogni aurora 
ed ogni sera l'ho innaffiato. 
Sta maturando il frutto dell'amore... 
...e lo raccoglierai.
Vorrei

Ti guardo...sorrido...piango...
fiore,alba,angelo.
Posso,tu no...
vorrei che tu potessi,io no.
Luce...e' li' nei tuoi occhi...
bonta'...e' li' sul tuo sguardo...
innocenza...e' li' nei tuoi anni...
amore...e' li' nel tuo cuore...
Dio...e' qui fra noi due.
Ti guardo...piango...sorrido...
fiore,tramonto,angelo.
Potro'...anche tu.

 

Sei la vita


Se il sole si oscurasse 
e prosciugasse il mar... 
se infuocati dardi colpissero la terra 
e sparisse per incanto l'universo... 
...saresti tu la vita.
A Yuri

C'e un'isola nel mare
lontana...lontana...
ove vive un vecchio saggio.
Ho messo in valigia una domanda
e son partito per l'isola lontana.
L'ho aperta al cospetto del vecchio saggio:
dimmi vecchio saggio...
dimmi come posso io parlare
dell'azzurro del cielo
del giallo del sole
del verde delle foglie
del rosso del fuoco
e di tutti i colori del mondo
ad un bambino non vedente..
Son ritornato...
in valigia una risposta:
Va' da lui...ti parlera' del paradiso.
Parlami 

Parlami ancora
dolce amica...
descrivimi i tuoi sogni
e le tue paure...
raccontami di ieri
e com'eri da bambina...
dimmi dei tuoi amori
e dei colori preferiti...
parlami di un quadro...
di un bambino...di un luogo...
oppur di un angelo...d'un pane...
del tuo dio...
parlami...di cosa non importa
regalami la musica della tua voce.
Julia

Se mi chiedessero
ove risiede la dolcezza
risponderei in colei
che pensa i miei pensieri
e parla le mie parole,
vede coi miei occhi
e ascolta col mio cuore.
Se mi chiedessero
come si chiama tal prodigio
risponderei Julia.
Biasimar non posso

Biasimar non posso
colei che ha amor celato
al baglio della fiamma
e da acceso lume danza.
La razio ha sen trafitto
come di Cassio spada in idi
spargendo la vittoria
su cuor penato e vinto.
Speme piu' non vola
al bacio dell'amata
di lei seren domani
e' desio per me fatal.
Or da me lungi
tempesta e' anima mia
poiche' ho amato e amo
lei che sogno e' stato.