free web hosting | website hosting | Web Hosting | Free Website Submission | shopping cart | php hosting

Sito ufficiale della Mailing List NapoliBella
Home   GuestBook   E-Mail   Pizziate   Incontri    Foto personali   Attualità ed Articoli
Foto di Napoli   Foto furastiere   Poesie    Rrobba ammiscata  
Ricette  Siti preferiti  



SURPRESA ‘NCOPP’’A LUNA

‘O razzo parte dint’’a ‘na vampata
n’attimo e se cunfonne cu’ ‘e nuvole;
vola sicuro ‘ncontr’all’avventura.
‘Na stella ‘o vede e ‘le strizzo l’uocchie
isso continua ‘a cammenata bella.
‘Ncopp’a terra è ‘nu tremore ‘e core
pell’uommene ch’a dint’’a nave stanno.
So’ quatto curaggiuse
ch’a vanno ‘ncopp’’a luna:
n’inglese, n’americano,
‘nu russo e ‘nu frangese.

Tre ghiuorne ‘e palpete chien’’e turmiente
pe’ chi ‘int’all’anzia aspetta pe’ sapé.
siente ‘a radio, vide ‘a televisione,
pe’ tutt’’o munno ‘e sempe ‘na canzone:
"che dice, so’ arrivate? Quann’arrivano?
E finalmente siente: "so’ allunate!"
Arriva ‘a voce loro: "stamme buone.
Camminammo cu’ tanta leggerezza
‘nce pare e vulà, avimme sta’ attiente…
Si facimme ‘nu sforzo ‘e na carezza
parimme foglie ch’a po’ viente vanno.
Vicino a ‘nu canale ‘nce truvamme
‘nu zumpo e già all’ata parte stamme.
‘Nnanz'all’uocchie nuoste stralunate
vedimmo ‘na pianura sconfinata".

All’intrasatte, nu strillo ‘e meraviglia:
"attenzione, attenzione sentite!"
Vicino ‘a radio ‘o core me se ferma
Mentre me dico: "che sarrà succiesso?"
" Ce stanne cierte case
mmiez’a ‘nu piazzale!"
‘Ncopp’a terra cummentano:
"case? Comm’è? Dio so’ asciute pazze!
Puverielle, stravedeno
Senz’altro e ‘nu miraggio!"

Da ‘ncopp’a luna e quatto esploratori
dopo ‘nu poco, ripigliano a parlà:
"Nuie ‘nce avvicinamme chiane chiane".
M’arraccumanne"– risponnene d’a’ terra –
Armi alle mani, vedite ‘e che se tratta!
Armi!? Pecché pigliate l’arme?
Se quella ‘e gente bbona,
è gente ch’a nun cunosce ‘a guerra,
comm’a sapimme nuie ‘ncopp’a terra?
Jettate ‘ste pistole
vo’ cerco pe’ favore.
Nun serven’’e battaglie
Pe’ conquistà ll’ammore;
jatele ‘ncontro cu ‘na mano tesa
e n’ata ‘ncopp’’o core.

Ma ‘a voce degli esploratori
Me riporta ‘a cruda realtà.
"Sì, stamm’avanzanne chine e zitte
stregnimmo ‘int’ ‘e mani ‘na pistola.
State tranquille nun v’appaurate!"
‘Mpruvvisamente, ‘na voce assaje cara,
‘na lengua ch’a nun aggie maie scurdate
me ‘ntrona ‘int’all’anima e m’ha ‘nserra
dint’a ‘na morza chiammata nustalgia,

"Che state a ffa’ cu’ ste pistole ‘mmane?"
- Diceva ‘a voce cara ‘a ‘ncopp’a luna. –
"’Nce avite mise ‘e tiempe pe’ venì!?"
"Ma è napulitane, ch’allegria,
dicettere ‘e surdate surridenne."
"Ccà tutte quante nuje
simme napulitane
e chella che vedite
è Pusillecoluna.
Venite v’appresento a ‘e cittadine."
Da’ terra addummannavene
ma chille ‘ncopp’a luna
nun stevene a sentì.
Po’ s’avviaine aunite, tutte quante,
‘o pioniere e gli esploratori
vers’a piazzetta, addò
tutt’’a cittadinanza ‘e stevene aspettà.

All’intrasatte, dicette ‘o pioniere:
"Jettate ‘ste pistole ‘int’’o canale
nun servene ccà ‘ncoppa cheste cose.
Ccà regnene tre cose sulamente:
‘a preghiera, ‘a musica e ‘a poesia".
E quatto esploratori se guardajne,
ma senza nemmeno ‘na parola
jettaine chell’arme ‘int’’o canale.
Ll’uocchie chine ‘e lacrime tenevane
E no’ p’arraggia, no; nun era sdegno!
Arrivate che furono ‘a piazzetta
chille ch’era iute ‘ncontr’all’esploratori
cu ‘a mano ‘ncopp’’o core
accumenciaie ‘e presentazioni.

"Chillo ca vedite ‘ncop’’o monumento,
vuje pure ‘o conoscete, certamente,
è San Gennaro, nostro protettore
l’avimme fatto assieme tutte quante.
Chist’è Pascalino ‘o piscatore,
jeva ch’a carrettella p’’a città;
chest’ata è l’acquarola Cuncettina,
teneva ‘o banco abbascio Margellina;
chiste cu ‘a capa janca è Cienzo ‘o burzo,
faceva ‘o pizzaruolo ‘a ferrovia;
Totonno ‘o cusetore, Carmela ‘a zarellara,
‘o ‘nnammurat’’e Napule, Peppe ‘o pueta
che ‘ncopp’’a terra nun fuje fortunate;
io sono, pe’ servirvi, ‘o cchiù anziane,
Gennaro Esposito detto capatosta.
Mò simme cchiù de mille
Campamme alleramente, ‘a puverielle,
cu ‘na pretesa sola: campà ‘npace,
chello ch’a ‘ncopp’’a terra non c’è più!"

"Vulesseme sape, se permettete,
- dicettere e quatto esploratori –
comm’avite fatte,pe’ venì?"
Gennaro ‘o capatosta,
ch’era ‘o capo de’ napulitane,
guardaje ‘e scarpe, comm’a ‘nu scurnuso
e rispunnette cu’ sincerità:
"Comm’avimme fatte, vuje dicite?
cu ‘o sputinicche, quinnicianne fa!
‘Nu sputtinicche raro overamente,
fatto de vierze e musica nostrana
scritto da Peppe, musicato ‘a me
e mise ‘n’orbita da Burzo Vicenzino.
Era ‘nu razzo fatt’’e fantasia
erano vierze ‘e chiacchiere nuvelle
che chiane chiane, mentre ‘o musicavo
saglieva ‘ncoppa, sempe cchiù saglieva.

Eccoci qua, tutt’’a storia è chesta
mò state pure vuje ‘mmiez’’a ‘sta festa.
Vi preghiamo però ‘na sola carità
- dicette ‘o viecchie doppo ‘nu mumente -
quanne riturnate ‘ncopp’’a terra
dicite a tutte quante ‘e comandante
ch’ a ‘ncopp’’a luna non se po’ campà.
Se pe’ caso vulite restà ccà
campate assieme a nuje, alleramente,
‘a puverielle, napulitanamente:
cu’ ‘a musica, ‘a preghiera e ‘a poesia.

 

Napoli 28 ottobre 1958